ANCORA UN DOPPIO CALENDAR CON PROBABILITA’ DI SUCCESSO NOTEVOLE

Oggi 10 marzo alle 9 e 30 circa con il DAX che batte 10.738 questa è la griglia delle proposte che interessano basi potenziali su cui impostare nuovamente un DOPPIO CALENDAR.

Figura 1 GRIGLIA DEI PREZZI CON DAX A 10.738 10MAR20

Ci accorgiamo subito della esagerata differenza di volatilità implicita applicata alla scadenza più breve (marzo), rispetto alle due più lunghe (aprile e maggio). Sono infatti ben 15 punti sul differenziale call marzo-aprile e 19 su quello marzo-maggio, mentre sulle put tale differenziale è di 17 per marzo-aprile e 23 per marzo-maggio. Puntiamo proprio sul differenziale maggiore quindi COMPRIAMO CALL E PUT MAGGIO E VENDIAMO CALL E PUT MARZO. 

Altra considerazione per cui puntiamo su questa combinazione è il maggior differenziale di THETA, infatti le opzioni comprate con scadenza maggio (rispettivamente -4,7 e -5,5) sono meno affette dal timedecay rispetto a quelle con scadenza aprile (rispettivamente -6,5 e -8,3). Come ben visibile il massimo rischio è di 527 punti costituito da quanto speso (937) meno quanto incassato (410).

Figura 2 COMPOSIZIONE DOPPIO CALENDAR

A questo punto calcoliamo i B.E. sia del LONG STRANGLE che dello SHORT STRANGLE, per fare la prova del 9 sul massimo rischio.

Figura 3 B.E. DOPPIO CALENDAR

Ed ora?

Quali sono le nostre attese? Certamente quelle di veder trascorrere il tempo, durante il quale il THETA manifesterà ovviamente di più i suoi effetti sullo STRANGLE MARZO (19,7) venduto rispetto a quello acquistato (10,2). Un eventuale movimento dei prezzi all’interno del B.E. della struttura marzo non ci danneggerebbe di certo, perché non faremmo altro che restituire una parte di quanto incassato sulla scadenza marzo, ma al tempo stesso andremmo a ricavare di più da quanto pagato sulla scadenza maggio.

Il tempo gioca nettamente a favore perché marzo ha ancora solo 8 sedute a disposizione, mentre qualche patimento potrebbe venire da movimenti superiori al 10%, ma anche in questo caso non è detto che non debba produrre ugualmente un utile soddisfacente. Le probabilità di guadagno sono molto elevate, mia condizione essenziale (a prescindere da quale struttura metto in piedi), per andare a mercato. Di sicuro non c’è assolutamente nulla, anzi solo una cosa e non è piacevole. 

Ora non ci resta che attendere!